Sapermi perdere

Il corpo nel corpo
e mi sento volare
tra le api in sciame
nel tuo alveare.

Il fiore abbandono
come grano di polline
tra vette sospinto
nel ghiaccio disciolto.

Su rocce riscendo
in nugoli di gocce
la quota risaggio
tra rivoli di nuvole.

Calma si il vento,
piove la polvere
chissà quale deserto
scende sul lago incessante.

Li mi ritrovo tra immense
mangrovie e fitto fogliame
su canoe lievi, silenti
ronzanti verso la foce.

Senza traccia è il mio andare
per mondi longevi
a colpi di braccia
nuoto la vita di ore non fatta.

E’ sempre così dopo l’amore
il corpo nel corpo, il respiro e l’odore
grano di polline, atomo e polvere
felice di nuovo sapermi perdere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...